Contribuisci anche tu
DONA SUBITO

Contribuisci

A REALIZZARE Il SOGNO
DI PIANDARCA

un Santuario all'Aperto dedicato a San Francesco e alla Predica agli Uccelli

Contribuisci anche Tu a realizzare il sogno di tanti. I fondi ricevuti vengono raccolti dalla Parrocchia di Cannara. Le donazioni saranno utilizzate per la realizzazione della statua, dell’altare celebrativo, per la sistemazione di tutte le aree  che determinano il santuario all’aperto, oltre al mantenimento e alla manutenzione del sito nei prossimi 5 anni.

TRAMITECARTA DI CREDITO

Semplicemente cliccando qui sotto:

DONA SUBITO

TRAMITEBONIFICO BANCARIO

IT 38 G030 6909 6061 0000 0170 130

Causale: Donazione per realizzazione  Santuario all’Aperto a Piandarca, dedicato a San Francesco.

Guarda il Video Tutorial su come donare:

TRAMITECARTA DI CREDITO

Semplicemente cliccando qui sotto:

DONA SUBITO

TRAMITEBONIFICO BANCARIO

IT 38 G030 6909 6061 0000 0170 130

Causale: Donazione per realizzazione  Santuario all’Aperto a Piandarca, dedicato a San Francesco.

Guarda il Video Tutorial su come donare:

Deduzione Fiscale

Per le Imprese è possibile portare in detrazione la donazione secondo le normative di legge vigenti

Iniziativa Promossa della Parrocchia di Cannara:


Un Luogo Unico
PIANDARCA, "SENTIERO STORICO"

Il meraviglioso luogo doveSan Francesco parlò agli uccelli

Piandarca è un’area naturale situata in Umbria, cuore verde d’Italia, nel territorio del Comune di Cannara. Toponimo di antica formazione, compare in numerosi documenti storici a partire dal 1200. Una terra pianeggiante, adagiata in una natura silenziosa e incontaminata. Un singolare effetto visivo a 360° consentedi ammirare i profili delle cittadine collinari che la circondano, senza che nulla ostacoli la visuale. Il luogo è di grande bellezza paesaggistica e di enorme valore storico per aver ospitato, secondo gli studiosi di tutti i tempi e una antichissima tradizione, uno degli episodi più conosciuti della vitadi San Francesco di Assisi, la Predica agli Uccelli. 

Contornata da macchie verdi di alberi autoctoni, al suo interno si snoda un sentiero di circa due chilometri e mezzo, il cosiddétto ‘Sentiero Storico’ che una secolare tradizione indica essere quello percorso dal Santo più amato quando, nella primavera del 1221, dopo aver predicato al popolo di Cannara e pensato alla primitiva idea del Terz’Ordine dei Continenti (oggi Ordine Francescano Secolare), si allontanò in direzione di Bevagna (Fioretti, cap. XVI). E qui, percorrendo il viottolo, si avvide di una straordinaria moltitudine di uccelli ai quali, com’è noto, rivolse la sua predica, l’episodio più poetico e conosciuto della vita di San Francesco.


La predica agli uccelli
SAN FRANCESCO D'ASSISI A PIANDARCA

La predica agli uccelli

SAN FRANCESCO D'ASSISI A PIANDARCA

ll celebre episodio della Predica, “tra i più gentili e i più Santi… che la fede e la poesia ricordino” (A. Fortini, Vita Nova di S. Framcesco), ha ispirato pittori, poeti e musicisti dal genio universale: l’opera più famosa è di Giotto nel ciclo di affreschi sulla vita di San Francesco nella Basilica Superiore di Assisi. Le sapienti mani di Benozzo Gozzoli hanno immortalato la Predica nella chiesa di San Francesco a Montefalco.

“Il canto e l’alleggiare degli uccellli” è stato poeticamente celebrato dal compositore ungherese Franz Liszt che chiese perdono al Santo per avere impoverito l’ammirabile espressione del testo.
Testimonianza viva delle origini della fraternità francescana, Piandarca è un patrimonio prezioso della tradizione culturale dell’Umbria. Da secoli custodisce il messaggio francescano di Armonia con il Creato: un valore universale che appartiene al mondo intero.

E passando oltre con quello fervore, levò gli occhi, e vide alquanti arbori allato alla via, in su’ quali era quasi infinita moltitudine di uccelli; di che Santo Francesco si meravigliò e disse ai suoi compagni: Voi m’aspetterete qui nella via, e io andrò a predicare alle mie sirocchie uccelli; e entrò nel campo, e cominciò a predicare…”


Abbiamo un sogno
UN SANTUARIO ALL'APERTO DEDICATO A SAN FRANCESCO E ALLA PREDICA

Abbiamo un Sogno

UN SANTUARIO ALL'APERTO
DEDICATO A SAN FRANCESCO
E ALLA PREDICA

Valorizzare il luogo dove San Francesco parlò agli uccelli, creando un santuario all’aperto: il sogno è allocare una statua in bronzo e un altare in pietra dove celebrare riti religiosi o dove poter semplicemente respirare e ammirare la bellezza della natura. A Piandarca è stato già realizzato un grande TAU naturale dalle dimensioni imponenti, illuminato di notte per tutto il suo perimetro da una luce soffusa.

Aiutaci anche tu
a valorizzare Piandarca.
rendiamolo fruibile
ai pellegrini devoti, agli amanti
del Bello e del Creato.

"Il Sentiero della Predica agli Uccelli"

Nell’area dove attualmente sorge il grande TAU intendiamo apporre il “masso altare” e la statua dedicata al Santo.

Un percorso pedonale e ciclistico che collega Assisi, Santa Maria degli Angeli e Cannara

Appositamente tracciato, segnalato e geo-referenziato,
il percorso collega la Basilica Superiore di Assisi, passando per il Bosco di San Francesco, a Piandarca e al Sentiero Storico. L’itinerario, di circa 15 km, passando per Santa Maria degli Angeli, ricongiunge idealmente la rappresentazione pittorica di Giotto della Predica di San Francesco agli uccelli, al luogo che fu teatro del celebre idillio.

Iniziativa Promossa della Parrocchia di Cannara:



La statua
UN CAPOLAVORO DELL’ARTE ITALIANA PER CELEBRARE LA PREDICA DEL SANTO

La Statua

UN CAPOLAVORO DELL’ARTE ITALIANA PER CELEBRARE LA PREDICA DEL SANTO

La statua di San Francesco, titolo dell’opera “ANDATE E RIEMPITE IL CIELO DI CANTI”, realizzata dall’artista pavese Antonio De Paoli, vincitore del Premio Internazionale “Luogo della Predica di San Francesco agli uccelli”, indetto nel 2017 dalla Parrocchia di Cannara, avrà un’altezza fino alla testa di cm 180 con larghezza massima di 70 cm e profondità massima di cm 80. Le braccia alzate arriveranno alla quota di cm 205 da terra con un’apertura di circa cm 115.

L'artista e il suo pensiero

L’artista ha pensato a San Francesco in piena estasi che in punta di piedi accompagna in volo due uccelli, come se in quel momento perdesse la fisicità sfiorando la forza di gravità e si sollevasse da terra dando allo stormo il via per dirigersi verso i quattro punti cardinali.

Gli uccelli diventano elemento di comunicazione con  Dio e viatico per diffondere il messaggio evangelico dell’amore al mondo. Le braccia alzate verso l’alto sono l’abbraccio simbolico a tutto il Creato e l’allodola sull’estremità della mano destra sembra comprendere il significato, pronta al volo verso l’azzurro del cielo. Un altro uccello sfiora la veste. Nelle “sirocchie uccelli” Francesco scorgeva un esempio di semplicità e umiltà per sé e per i suoi frati.

La posa della statua

La statua verrà ancorata su un plinto di fondazione adeguatamente dimensionato per garantire la sicurezza e la stabilità del manufatto. Inoltre tale base fondale sarà ricoperta da uno strato di terreno vegetale, quindi integrata con l’area naturale e non visibile.